Lenti intraoculari fachiche (PIOL)

Che cosa sono le lenti intraoculari fachiche

Quando la luce penetra all’interno nell’occhio, i raggi si concentrano sulla retina fotosensibile per permettere una visione nitida. Le anomalie nella cornea (lo strato più esterno e trasparente dell’occhio), come ad esempio un’eccessiva o errata curvatura, fanno sì che la luce si focalizzi prima o dopo la retina, con conseguente visione offuscata.

Le lenti intraoculari fachiche (PIOL, Phakic intraocular lens) sono impianti inseriti nell’occhio per correggere le anomalie della vista. Simili alle lenti a contatto, le lenti fachiche aiutano a focalizzare la luce in modo accurato sulla retina, ma agiscono all’interno dell’occhio invece che sulla sua superficie.

Realizzate in plastica sintetica trasparente (polimetilmetacrilato), sono chiamate fachiche perché, a differenza delle lenti intraoculari che vanno a sostituire quelle naturali come durante un intervento di cataratta, prevedono che la lente naturale dell’occhio sia lasciata intatta.

Per chi sono adatte le lenti intraoculari fachiche

Le lenti fachiche intraoculari sono raccomandate per i casi da moderati a gravi di miopia, ipermetropia e astigmatismo e per persone con cornea estremamente sottile o secca, non adatta alla chirurgia refrattiva laser.

Il paziente ideale dovrebbe preferibilmente avere un’età compresa tra i 21 e i 40 anni e non soffrire di patologie oculari come la cataratta (torbidezza della lente naturale), il glaucoma (aumento della pressione all’interno dell’occhio), la presbiopia (indurimento della lente con l’età) o di infezioni oculari.

Possono essere trattati in modo efficace pazienti con approssimativamente:

  • Fino a -17.00 D di miopia
  • Fino a + 10,00 D di ipermetropia
  • Fino a ± 4.50 D di astigmatismo

Come viene effettuato l’impianto di lenti intraoculari fachiche

Prima di effettuare l’impianto della lente intraoculare, al paziente viene richiesto di interrompere l’uso delle lenti a contatto per un determinato periodo di tempo. Il chirurgo può valutare caso per caso la necessità di eseguire una procedura preliminare nota come iridotomia, in cui viene creato un foro nella periferia dell’iride per controllare la pressione del fluido all’interno dell’occhio dopo l’impianto della lente.

Per la procedura di impianto delle lenti, il medico inserisce alcune gocce anestetiche nell’occhio; può anche essere somministrato un sedativo per aiutare il rilassamento del paziente. Uno speculum mantiene l’occhio aperto mentre viene eseguita una piccola incisione nella cornea e la lente intraoculare viene inserita piegata tra la cornea e l’iride (la parte pigmentata dell’occhio) o tra l’iride e la lente naturale.

La lente naturale non viene rimossa. La PIOL quindi si srotola e, a seconda della tipologia, può o non può richiedere punti di sutura. L’incisione viene quindi richiusa e l’occhio è coperto da un bendaggio protettivo.

La procedura dura da 10 a 30 minuti e il paziente può tornare a casa lo stesso giorno.

Cosa aspettarsi dopo l’impianto di lenti intraoculari fachiche

L’impianto di lenti intraoculari fachiche è un trattamento permanente per correggere definitivamente la miopia, l’ipermetropia e l’astigmatismo e di solito non richiede alcuna manutenzione se non effettuare gli esami della vista di routine. A seconda del paziente, la visione può migliorare immediatamente dopo la procedura o entro 2 o 4 settimane.

È del tutto normale sperimentare alcuni effetti luminosi nel primo periodo dopo l’impianto di IOL, in particolare se si portavano occhiali o lenti con una gradazione molto alta. Questi fastidi possono presentarsi in una varietà di forme tra cui abbagliamento, aloni, “esplosioni” stellari e presenza di immagini fantasma; la guida notturna può all’inizio essere difficile.

Gli effetti collaterali visivi sono comunque generalmente lievi e migliorano in pochi mesi.

Apri chat
Serve aiuto?